minotticucine

minotticucine and claudio silvestre inaugurate the new bronze age


fuorisalone 2018



 



MINOTTICUCINE E CLAUDIO SILVESTRIN INAUGURANO LA NUOVA ETÀ DEL BRONZO



Inoltre, protagonista dell’evoluzione del design minotticucine anche il vetro con una nuova creazione con ante ad altissima tecnologia. Questi inediti modelli cucina sono stati allestiti in occasione del Fuorisalone nello showroom minotticucinemilano in via Larga, 4. Tra gli appuntamenti in programma dal 16 al 21 aprile, giornate in cui lo spazio espositivo rimane aperto fino alle 22, , press preview lunedì 16 dalle 17 alle 22. Evento speciale mercoledì 18 dalle 19 alle 22: presentazione delle nuove creazioni minotticucine con l’architetto Claudio Silvestrin e Alberto Minotti.

“Una forza pura, in perfetto equilibrio tra forza della natura e forza umana, un elemento di peso e di arte”. Così il designer minimalista Claudio Silvestrin descrive la sua ultima creazione in casa minotticucine: una cucina in bronzo fuso, opera in bilico tra arte e tecnologia.

È l’età del bronzo, dunque, a segnare una nuova evoluzione di minotticucine che, pur rimanendo fedele alla pietra come elemento naturale per eccellenza con cui plasmare i suoi progetti cucina, aggiunge al fattore naturale della materia prima l’ingegno dell’uomo. “Innovativa e inimitabile, provocatoria, semplice a dirsi ma estremamente difficile a farsi. In una parola: unica”, prosegue Silvestrin nella descrizione della sua nuova creazione in bronzo che, profondamente modificata nel materiale, rimane immutata nelle linee seguendo il design senza tempo di Terra.

Dal lingotto alle formelle, la stessa composizione che risulta nell'anta e sul cassetto, in bronzo anche al suo interno, è quella che si forma nell'istante stesso in cui il materiale incandescente si incontra e si fonde. La sapiente opera dell’uomo imita la forza dei vulcani con un risultato sorprendente. Il design, qui, si coniuga con l’abilità dei tecnici che, dovendo trattare un materiale con un peso specifico triplo rispetto alla già pesantissima pietra, ha permesso di superare i suoi stessi confini utilizzando una nuova tecnologia reclutata al di fuori del mondo cucina. Senza però tralasciare le caratteristiche fondamentali proprie del settore. Un dettaglio su tutti, la questione igienica: le piastre di fondo con cui è formata la composizione sono identiche a quelle utilizzate per la pasta industriale.

E ancora, altra novità assoluta, il vetro rappresenta l’ennesima frontiera varcata da minotticucine. Sono due sottilissime ma estremamente resistenti lastre di vetro accostate l’una all’altra, che racchiudono un’anima di seta, a formare le ante della nuovaSeta” creata dal designer Alberto Minotti. Caratteristica imprescindibile del design minotticucine rimane comunque la pietra che qui viene presentata in modo inedito: per eliminare la fuga, limite tecnico di questo materiale naturale, la venatura della pietra viene disposta perpendicolare rispetto a quella in fianco e sviluppata per ogni modulo anta. Uno scambio di linee che da vita a un parallelismo progettuale con gli intrecci del tessuto interno alle lastre in vetro. L’evoluzione del marchio è visibile anche nei dettagli che rendono questa cucina oltre che elemento di design anche piattaforma funzionale ed estremamente tecnologica. In Seta, le colonne emergono automaticamente dal top portando gli elettrodomestici contenuti al loro interno ad un livello ottimale per essere utilizzati e una colta terminato l’utilizzo ritornano invisibili secondo i rigidi canoni progettuali di minotticucine.

I nuovi progetti, allestiti nello showroom minotticucinemilano di via Larga, 4, a due passi da Duomo, vengono presentati mercoledì 18 aprile dalle 19 alle 22 dall’architetto Silvestrin e dal designer del Gruppo Asso Alberto Minotti. Lunedì 16, press preview dalle 17 alle 22. In occasione delle giornate del Fuorisalone, dal 16 al 22 aprile, inoltre, lo showroom rimane aperto fino alle 22. All’interno delle cucine minotticucine saranno presenti alcuni tessuti pregiati, frutto dello studio delle trame di Karin Carlander.



minotticucine press office Silvia Marinoni

54words - c / o Fabbrica del Vapore - via Procaccini, 4 - Milan

tel. +39 02 36513132
silvia@54word.net
www.54words.net 





......................................................................................................





MINOTTICUCINE AND CLAUDIO SILVESTRIN INAUGURATE THE NEW BRONZE AGE



A kitchen that resembles a sculpture, made entirely of cast bronze, and the introduction of glass and silk on a model characterized by high-tech door

FUORISALONE 2018 Milan, 16-22 April / minotticucinemilano showroom via Larga, 4.
 / Press preview: Monday 16 from 12 to 18
 / Cocktail Wednesday 18 from 7pm to 10pm: presentation of the new minotticucine creations with the architect Claudio Silvestrin and Alberto Minotti.
 The showroom is open from April 16th to 21st from 10am to 10pm 



"A pure force, in perfect balance between the power of nature and human strength, an element of weight and of art". In this way the minimalist designer Claudio Silvestrin describes his latest creation in the minotticucine house: a cast bronze kitchen, a work in the balance between art and technology.

It is the bronze age, therefore, to mark a new evolution of minotticucine that, while remaining faithful to the stone as a natural element par excellence with which to shape its kitchen projects, adds to the natural factor of the raw material the ingenuity of man. "Innovative and inimitable, provocative, simple to say but extremely difficult to realise. In a word: unique”, continues Silvestrin in the description of his new bronze creation which, profoundly modified in the material, remains unchanged in the lines following Terra’s timeless design. 

From the ingot to the panels, the same composition that results in the doors and on the drawers, also internally in bronze, is that which is formed at the very instant in which the incandescent material meets and melts. The skilful work of man imitates the strength of volcanoes with a surprising result. Here, design is combined with the skill of technicians who, having to deal with a material with a specific weight that is triple compared to the already very heavy stone, have allowed it to overcome its own borders using a new technology recruited outside the kitchen world. Without neglecting the fundamental characteristics of the sector. A detail on all, the question of hygiene: the base plates with which the composition is formed are identical to those used for industrial pasta.

And yet, another absolute novelty, glassrepresents yet another frontier crossed by minotticucine. They are two very thin but extremely resistant sheets of glass pulled close to one another, which enclose a silk core, to form the doors of the new "Seta" created by the designerAlberto Minotti.An essential feature of minotticucine design remains the stone that is presented here in an unusual way: to eliminate the joint, the technical limit of this natural material, the grain of the stone is placed perpendicular to the one on the side and developed for each door module. An exchange of lines that gives life to a design parallelism with the intertwining of the fabric inside the glass sheets. The evolution of the brand is also visible in the details that make this kitchen not only a design element but also a functional and extremely technological platform. In Seta, the columns emerge automatically from the top bringing the appliances contained within them to an optimal level to be used and once finished with they become invisible againaccording to the strict design standards of minotticucine. 

Inside the minotticucine kitchens there will be some precious fabrics, the results of Karin Carlander's weaving studio. 



minotticucine press office Silvia Marinoni

54words - c / o Fabbrica del Vapore - via Procaccini, 4 - Milan

tel. +39 02 36513132
silvia@54word.net
www.54words.net 

design Claudio Silvestrin / Alberto Minotti